Nonostante un autunno “caldo” dal punto di vista meteorologico è arrivato il momento di riaccendere gli impianti di riscaldamento.

L’ENEA, Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, ha divulgato un interessante decalogo con una serie di consigli per rendere più efficienti gli impianti di riscaldamento, essere in regola e risparmiare con le bollette.

1.Effettuare la manutenzione: l’inadempienza, oltre a dar luogo ad una sanzione di 500 euro, fa sì che l’impianto consumi di più e inquini.

2.Controllare la temperatura: una casa troppo calda fa male sia alla salute che al portafogli. La normativa consente una temperatura fino a 22 gradi ma con 19 il benessere è similare. Ogni grado in meno significa un risparmio del 5-10%.

3.Orari: occorre prestare attenzione agli orari di accensione. Esistono ben 6 fasce climatiche in Italia e occorre attenersi a quelle prescrizioni specifiche.

4.Installare pannelli riflettenti: la posa di pannelli di questo tipo tra muro e termosifoni diminuisce la dispersione, incrementando i risparmi.

5.Schermare le finestre: chiudere le persiane durante la notte ed utilizzare tende pesanti è un altro rimedio contro la dispersione termica.

6.Evitare ostacoli sopra i termosifoni: collocare mobili o tende davanti ai radiatori non facilita la diffusione termica, così come asciugare i panni utilizzando i termosifoni.

7.Check up: è consigliabile effettuare una diagnosi energetica della propria casa. Il beneficio in termini di risparmio potrebbe toccare il 40%. A cui si aggiunge la possibilità di usufruire dell’Ecobonus per eventuali interventi ad hoc.

8.Innovazione: dal 2015 è possibile installare solo caldaie a condensazione. In genere, sistemi di riscaldamento innovativi sono sempre più amici del risparmio e del comfort.

9.Domotica: cronotermostati e rilevatori di presenza sono un valido supporto nel processo di innovazione del proprio sistema di riscaldamento. Anch’essi sono soggetti a Ecobonus.

10.Termovalvole: l’applicazione di valvole termostatiche ai radiatori, obbligatorie peraltro nei condomini, consente un risparmio del 20%.