E’ un dato di fatto: le Srl trainano l’economia italiana. Lo rivela l’Osservatorio sui bilanci delle Srl del Consiglio e della Fondazione Nazionale dei Dottori Commercialisti che analizza il trend 2016-2018.

Gli addetti sono aumentati di quasi il 4% e il fatturato complessivo del 6.3%.

Lo studio, che ha interessato il ragguardevole numero di 367.350 Srl, propone un’elaborazione dei principali indicatori economici ed ha confermato il trend emerso nella primavera scorsa.

La crescita non riguarda, infatti, solo occupazione e fatturato ma anche produzione (+6%) e valore aggiunto (+5.7%).

Sono sempre di più le Srl che chiudono il loro bilancio in attivo, passando dal 70,3% del 2017 al 71,6% del 2018 (+1,3%).

Sulle stesse ottimistiche performance anche il ROE che si attesta al 12,4% (+0,8% rispetto al 2017) e il ROI (+3,3% sul 2017).

Andamenti decisamente in controtendenza al quadro macroeconomico italiano, che vede la stagnazione del PIL e problematiche a vari livelli: ancora una volta piccole e microimprese sono la vera spina dorsale del tessuto produttivo del Paese.

Il trend di crescita delle Srl coinvolge tutti i comparti, con incrementi interessanti per costruzioni, trasporti e servizi professionali. Rallentano invece industria, commercio, ristoranti ed alberghi.

Nel dettaglio, emerge per quanto riguarda gli addetti, il settore dei trasporti (+12,5%), seguito da alberghi e ristoranti (+5,5%) mentre per fatturato il comparto in maggiore espansione risulta quello dei servizi (+8,1) che precede i trasporti (+8%).