Hera – Come controllare e ridurre la bolletta dell’acqua

Risparmiare sulla bolletta dell’acqua si può! Cominciamo adottando tutti gli accorgimenti necessari per limitarne il consumo, senza però arrivare a comportamenti antisociali o poco salutari!

Continuate quindi a lavarvi i denti, magari chiudendo il rubinetto fra una spazzolata e l’altra. Fate la doccia con la stessa frequenza, ma riducendo la durata a 5 minuti invece che 15 e consumerete solo un terzo dell’acqua.

Per risparmiare è importante controllare la bolletta dell’acqua e assicurarsi che ci vengano applicate le tariffe corrispondenti alle nostre esigenze e alla composizione familiare. I servizi per la casa quali acqua, luce e gas possono incidere fino a quasi il 12% sulla spesa media di una famiglia italiana. È quindi molto importante pagare il giusto prezzo.

La bolletta dell’acqua: quali servizi paghiamo?

In questo articolo cominciamo analizzando la bolletta dell’acqua di Hera. Hera è una società di servizi pubblici che fornisce acqua in Emilia Romagna e in alcune zone fra Pesaro e Urbino.

Hera offre i servizi di fornitura di acqua potabile, di gestione delle fognature e di depurazione delle acque.  Le principali voci addebitate in bolletta sono quindi relative a questi servizi e sono calcolate sulla base del consumo presunto o effettivo del cliente.

Consumo presunto o effettivo?

Si parla di consumo presunto quando fra un periodo di fatturazione e l’altro:

  • Hera NON effettua una lettura dei contatori
  • il cliente NON fornisce un’autolettura.

Hera in questo caso applica il consumo calcolato basandosi su informazioni storiche del cliente. Per mantenere sotto controllo i costi è quindi consigliabile fornire un’autolettura dei contatori frequente che non riservi sorprese al conguaglio.

Tariffe e servizi: cosa verificare

Molto importante è anche verificare la tipologia di tariffe applicate sulla base dei servizi usufruiti.  Ad esempio, i servizi di fognature e depurazione sono addebitabili solo ai clienti che ne fanno uso.

Esenzioni da tariffe

Si ha diritto all’esenzione dall’applicazione della tariffa per scarichi idrici (fognature) e depurazione se si è allacciati all’acquedotto ma si abita in una zona non servita dalla rete fognaria.  Per richiedere l’esenzione, occorre seguire le istruzioni fornite al link agevolazioni Hera. Questi servizi possono andare dal 20% al 50% del costo al mc di acqua ed è possibile richiedere il rimborso del servizio se pagato erroneamente.

Tariffe a fasce: come influenzano la mia bolletta dell’acqua?

Le tariffe di consumo dell’acqua tengono conto del numero di residenti e sono divise in 5 fasce con: 2 livelli di tariffe agevolate, una base e 2 di eccedenza.  Hera addebita i consumi nelle 5 fasce a seconda del numero di residenti (pro capite).

È importante:

  • verificare nella bolletta dell’acqua quale sia il numero di residenti registrato
  • fare richiesta di variazione nel caso sia errato.

Ogni residente infatti ha a disposizione una quota per fascia di prezzo. All’esaurirsi della quota disponibile per una fascia, l’ulteriore consumo viene addebitato alla fascia superiore. Può significare raddoppio del prezzo.

Le tariffe a fasce sono importanti perché tengono conto della composizione familiare. Esse garantiscono un prezzo equo per la dotazione giornaliera di base per ogni persona, ma allo stesso tempo penalizzando le eccedenze.

Vengono quindi incentivati i consumi corretti ma tenendo conto delle esigenze delle famiglie.

Come varia l’importo sulla base del numero di residenti?

Facciamo un esempio pratico.

Sulla base delle tariffe pubblicate a inizio 2016 una famiglia di 4 persone può consumare fino a 53 mc l’anno alla tariffa agevolata.

Una persona che vive da sola può usufruire della tariffa agevolata solo per 25 mc all’anno. I metri cubi oltre questa soglia vengono addebitati a più del doppio e le tariffe aumentano ulteriormente per le fasce successive.

Ipotizziamo quindi che una famiglia di 4 persone consumi 200 mc di acqua. Se contrattualmente sono stati dichiarati tutti e quattro i componenti il nucleo familiare, la famiglia pagherà circa 178 euro (meno di 1 euro al mc) per il solo consumo acqua. Se invece la dichiarazione dei residenti fosse errata e risultasse un solo residente, verrebbe a pagare circa 415 euro, cioè più di 2 euro al mc.

Verificate quindi nelle informazioni contrattuali che il numero di residenti sia corretto.

tariffe hera

Le offerte delle società di servizi pubblici comunque possono variare nel tempo; è quindi importante tenersi aggiornati sulle condizioni visitando i siti preposti (per Hera: Acqua) o contattando il servizio clienti.

  • Avete controllato la vostra bolletta e vi sembra tutto corretto?
  • Volete ridurre il consumo di acqua per ridurre i costi o limitare l’impatto sull’ambiente?

LEGGETE IL PROSSIMO ARTICOLO! – uscita prevista il …

Credits