E’ molto probabile che, con il primo gennaio 2019, l’Autorità per l’Energia comunicherà un aggiornamento dei prezzi di energia elettrica e gas che si rifletterà immediatamente sulle bollette dei consumatori.

Forti aumenti sono quindi in programma.

Ma ci sono vari accorgimenti che consentono di limitare il salasso a cui andremo incontro.

Il primo è la scelta della tariffa. Per contrastare gli aumenti è possibile, ad esempio, attivare una tariffa bloccata per uno o due anni, prima quindi che l’incremento divenga effettivo.

Individuare le migliori tariffe disponibili sul mercato libero è possibile utilizzando dei comuni comparatori, in grado di mostrare le soluzioni e poi attivare con pochi click quella più adatta i nostri consumi e ai nostri comportamenti.

Occorre esaminare anche le fasce orarie in cui siamo più attivi e magari scegliere una tariffa multi-oraria.

Dopo avere attivato la tariffa più adatta è venuto il momento di controllare i consumi di energia, per esempio verificando quelli dell’impianto di illuminazione, fonte di spese incontrollate specialmente nelle abitazioni più grandi.

Passare all’alimentazione a LED è un’altra buona idea e l’investimento iniziale verrà presto ammortizzato e ripagato da consumi immediatamente più contenuti.

Anche le nostre abitudini sono importanti: è opportuno usare quanto più possibile la luce naturale per evitare sprechi inutili. Usare timer e altre soluzioni domotiche può essere d’aiuto.

Un’altra fonte di “spese pazze” è spesso la caldaia a gas. Il riscaldamento in genere, soprattutto se effettuato con impianti datatati, è una voce di costo molto elevata. Bisogna sostituire, per quanto possibile, caldaie e radiatori, magari beneficiando di qualche bonus “energetico” previsto dalla Legge.

Non sembra ma anche l’efficienza energetica dei nostri elettrodomestici pesa sul piatto. Macchine vecchie consumano moltissimo, anche qui per quanto possibile occorre aggiornarsi.

In ultimo, il monitoraggio automatico delle bollette in entrata ci aiuta a farci un’idea di quanto spendiamo: qui entra in gioco uno strumento come Zillions, l’assistente personale che impara dalle tue abitudini: scopri di più!